Vitorchiano nel primo chiarore del giorno

Vitorchiano, Viterbo

A Vitorchiano, antico borgo in provincia di Viterbo, c’è un monastero di monache trappiste (suore appartenenti all’Ordine Cistercense, nato in Francia nell’XI secolo) che hanno composto un bellissimo inno: “Nel primo chiarore del giorno”. Le suore si svegliano nel cuore della notte e lo cantano durante la preghiera delle lodi.

Vitorchiano «si desta dal buio», come recita l’inno, «vestita di luce e silenzio»: luce e silenzio si stendono ogni mattina sulle colline circostanti ricoperte di querce, castagni, faggi e olmi; avvolgono con graziosa delicatezza le belle case medievali che con la loro splendida irregolarità disegnano la piccola storia di un borgo le cui vicende incrociarono quelle della grande città di Roma, di cui nel XIII secolo i vitorchianesi si dichiararono sudditi dopo anni di lotte contro i viterbesi.

L’alba è il momento dell’attesa, la prima forma delle cose, «com’era al principio del mondo». Le anime della gente cominciano a rassettarsi, a ricomporsi. La risposta del mattino e della luce emerge adagio, a passo d’uomo.

Inizia una nuova giornata anche a Vitorchiano.

Photos via:
https://www.flickr.com/photos/tuscialets/12974342545 https://www.flickr.com/photos/camperotto/8741118160 https://www.flickr.com/photos/coolmo/301325817 https://www.flickr.com/photos/danmasa/15278166791 https://www.flickr.com/photos/renzociurluini/8794824629 https://www.flickr.com/photos/dancingflowers/7243980414 https://www.flickr.com/photos/sal1964/5065130163

May 1, 2015

Vitorchiano nel primo chiarore del giorno

Vitorchiano (Vt)