La Valle della Luna, quel che resta di un sogno

Valle della Luna, Sardegna, Capo Testa, Santa Teresa Gallura

Nella bellissima Valle della Luna, nel nord della Sardegna – penisola di Capo Testa, comune di Santa Teresa Gallura –, si può ammirare quanto resta in Italia di un “sogno collettivo” che una cinquantina di anni fa rese famosa in tutto il mondo la generazione della cosiddetta “Summer of Love”.

Era l’estate del 1967 e a San Francisco confluirono migliaia di giovani americani che, in un momento in cui i valori tradizionali della cultura statunitense erano profondamente in crisi – anche, ma non solo, per la disastrosa esperienza bellica in Viet Nam –, presentavano pubblicamente il proprio dissenso provando a dare corpo in termini di convivenza sociale al comune desiderio di giustizia, pace, amore, libertà.

Si incominciò a parlare ovunque di psichedelia, di rivoluzione sessuale, di “flower power”. In una parola: di “hippy”, un’esperienza di “controcultura” che dilagò presto in Europa, e quindi anche in Italia.

Ecco, un pezzo di quel sogno abita ancora la Valle della Luna, scorcio di spiaggia sarda così chiamato per il particolare paesaggio costituito da una conca disseminata di rocce granitiche e grotte, nelle quali per tutto l’anno vive una comunità hippy.

Un mondo a parte, che richiama i versi dell’“Orlando Furioso” di Ludovico Ariosto in cui è descritta la Luna visitata da Astolfo, il famoso paladino che a un certo punto si ritrova in un vallon fra due montagne istretto, / ove mirabilmente era ridutto / ciò che si perde o per nostro diffetto, / o per colpa di tempo o di Fortuna: / ciò che si perde qui, là si raguna.

©danieldee, ©Enrico Favaro, ©Mattia Deriu, ©Gianni Fois, ©Mauro Nuvoli, ©Simona Soddu, ©lorenzo, ©The One

July 25, 2016

La Valle della Luna, quel che resta di un sogno

Santa Teresa Gallura (Ss)