La chitarra battente di Jacopo Mosca Cavelli, compagna del canto

Chitarra battente realizzata a Perugia nel 1725 da Jacopo Mosca Cavelli

Ecco una chitarra battente realizzata a Perugia nel 1725 da Jacopo Mosca Cavelli, un artigiano probabilmente originario di Pesaro. È conservata nel Museum of Fine Arts di Boston.

La chitarra battente – strumento tipico del meridione d’Italia di norma provvisto di cinque ordini doppi di corde metalliche – veniva utilizzata soprattutto per accompagnare ritmicamente il canto e il ballo (come la popolarissima tarantella).

Questo splendido esemplare – lungo 93 cm, largo 25 e spesso 14, costruito con legni di abete e noce, con parti decorate in avorio, madreperla e guscio di tartaruga – è presumibilmente appartenuto a qualche membro delle famiglie Chigi o Pamphilij.

Nella parte alta del piano armonico, in prossimità dell’attaccatura del manico, è intarsiata una citazione biblica dall’Apocalisse: Sicut citharoedorum citharizantium in citharis suis, un estratto del passo che dice: La voce che udii era come quella di suonatori di arpa che si accompagnano nel canto con le loro arpe (Ap 14, 2).

Photos via:
www.mfa.org/collections/object/guitar-chitarra-battente-397415

February 24, 2016