La chiesa dei Santi Pietro e Paolo d’Agrò, la koinè possibile

Chiesa dei Santi Pietro e Paolo d’Agrò, comune di Casalvecchio Siculo

La chiesa dei Santi Pietro e Paolo d’Agrò, nel comune di Casalvecchio Siculo, in provincia di Messina, è legata al nome di Ruggero II d’Altavilla, che tra il 1134 e il 1154 fu re di Sicilia, Calabria e Puglia.

Il sovrano normanno tra il 1135 e il 1153 conquistò ampie porzioni di costa nordafricana – stabilendo il proprio comando in zone che attualmente si estendono dalla Libia all’Algeria – e organizzò una solidissima monarchia mediterranea, una vera e propria koinè culturale in cui si realizzò una straordinaria convivenza fra musulmani e cristiani.

E la splendida chiesa dei Santi Pietro e Paolo d’Agrò – edificata grazie ai buoni uffici di Ruggero nel 1117 e giunta intatta fino a noi direttamente dal 1172, anno dell’ultima radicale ristrutturazione –, con la mirabile fusione di stili bizantino, arabo e normanno che la caratterizza, è un po’ lo specchio di tale armonica coabitazione di culture, razze, lingue e religioni diverse.

Photos via:
www.flickr.com/photos/23965068@N00/8997004121 www.flickr.com/photos/corinasicily/4426864801 www.flickr.com/photos/luigistrano/8437992767 www.flickr.com/photos/marcone115/3864079711 www.flickr.com/photos/sicano/1368796188

January 15, 2015

La chiesa dei Santi Pietro e Paolo d’Agrò, la koinè possibile

Casalvecchio Siculo (Me) - frazione di San Pietro