La Cappella di San Galgano a Montesiepi: la spada e la croce

Cappella di San Galgano a Montesiepi

Nella piccola chiesa di Montesiepi, in provincia di Siena, san Galgano, che era un cavaliere di Chiusdino, paese non molto lontano, si ritirò in romitaggio verso la seconda metà del XII secolo: fu qui che avrebbe piantato la spada in una pietra per farne invece che una spada, una croce, un oggetto di devozione.

Così lo storico dell’arte Cesare Brandi (1906-1988), nel libro “Terre d’Italia”, introduce la descrizione di questo bellissimo edificio sacro di forma cilindrica al cui interno, una cappellina gotica di inizio XIV secolo ospita affreschi, invero deteriorati, di Ambrogio Lorenzetti.

Continua Brandi: Ancora si vede, nell’impiantito della piccola rotonda, ma naturalmente non è la spada di Galgano Guidotti, sostituita e più tarda. Comunque, questo sasso, non a livello del pavimento e non al centro della cappella circolare, pone vari problemi sulla data della chiesetta, una specie di “martirion”, così tondo com’è, e assolutamente eccezionale nel Senese, con la sua volta quasi a trullo a fasce alternate di travertino e di mattoni (C. Brandi, “Terre d’Italia, Bompiani, Milano 2006).

Lo spettacolo circostante, i larghi piani verdi e ondulati di una campagna quasi solo a grano e a prati, sono, al pari di quella spada, inamovibile dalla roccia in cui fu piantata, un richiamo di pace.

Photos via: ©Chee-pow, ©Matteo Bimonte, ©Geerd-Olaf Freyer, ©federico

July 16, 2015

La Cappella di San Galgano a Montesiepi: la spada e la croce

Loc. Montesiepi, Chiusdino (Si)