Italian Stories: mi chiamo Leonardo Laino, e faccio mosaici

Mi chiamo Leonardo Laino, e faccio mosaici: con tale sintesi minimalista, una specie di firma in calce alla propria storia, si conclude il pure breve ritratto autobiografico con cui questo artista calabrese si presenta al pubblico sul suo sito internet.

I mosaici di Laino – copie di opere d’arte famose, vedute paesaggistiche, ritratti di visi – sono l’esito di una passione germinata dalla terra in cui è nato, una regione in cui l’arte musiva affonda le radici nella cultura greco-romana e bizantina.

Laino ha studiato approfonditamente quelle opere antiche, affinandosi nelle più minuziose e raffinate tecniche di composizione, come il micromosaico, il mosaico palladiano e il mosaico misto.

Nel suo laboratorio realizza elementi decorativi per gli ambienti – rivestimenti, pavimenti, camini, tappeti, rosoni –, complementi d’arredo per la casa e il giardino – lampade, tavoli, cornici per specchi – e progetti commissionatigli da enti locali per l’arredo urbano – fontane, fregi, loghi, pannelli decorativi…

Eccolo in azione.

Photos via:

Italian Stories: mi chiamo Leonardo Laino, e faccio mosaici

Albidona (Cosenza)
Corso Vittorio Emanuele III, 72/74
+39 346 5851523

WEEKLY POSTCARD

I più letti

Antonio Stradivari: leggenda e mito del suono perfetto

Di Barbara PalladinoIl violino Stradivari è noto in tutti il mondo come lo strumento perfetto. Suonarlo è il sogno di ogni musicista...

Reggia di Caserta: il tempo della meraviglia

Di Barbara Palladino Si trovano appesi nello stesso luogo dal 1700, quando Maria Antonietta li regalò alla sorella Maria...

Castello di Procopio: soggiornare in un antico maniero

Di Barbara PalladinoIl Castello di Procopio si trova a pochi chilometri da Perugia in una posizione privilegiata, tra...

L’Anfiteatro Flavio di Pozzuoli e la vicenda di San Gennaro

L’Anfiteatro Flavio di Pozzuoli è il terzo per grandezza dopo quello Capuano e il celeberrimo romano. Realizzato nel I secolo d.C., poteva...