Luciano Molinari e l’odore degli alberi

Probabilmente a chi fa il lavoro di Luciano Molinari piaceranno questi versi di Federico García Lorca: «Alberi! / Frecce voi siete / cadute dall’azzurro? / Quali tremendi guerrieri / vi scagliarono? / Sono state le stelle? / Vengono le vostre musiche / dall’anima degli uccelli, / dagli occhi di Dio».

Luciano Molinari fa l’ebanista a Milano. E, come ogni ebanista, ama profondamente il profumo del legno. Ogni albero ne ha uno e ogni aroma può richiamare alla mente cose e luoghi già conosciuti oppure suggerire spazi e colori immaginari.

È dal 1996 che Molinari raccoglie legni di tutto il pianeta. Le segature conservate in piccoli barattoli – circa trecento: si va dall’europeo Abete rosso al centramericano Ziricote – esalano e mantengono inalterate nel tempo le fragranze.

Forse questi odori vegetali accendono anche l’immaginazione, la creatività.

L’artista sta nel suo negozio di Milano come il custode di un bosco d’arte.

Photos via:
http://www.molinariebanista.it

Luciano Molinari e l’odore degli alberi

Milano
via Padova, 267
+39 338 8870932

WEEKLY POSTCARD

I più letti

Il gusto per l’eleganza di Anna Fendi

Di Barbara Palladino La moda, come il vino, fonda il proprio successo su tre leitmotif: passione, eccellenza e ricerca....

Nanda Vigo: artista della luce

Di Barbara PalladinoE’ scomparsa a Milano Nanda Vigo, architetto, designer e artista. Indiscussa protagonista della scena creativa degli anni ’60-’70, ha saputo...

Fontana dell’Acqua Paola: simbolo di Roma

La Fontana dell'Acqua Paola è uno dei punti più noti di Roma, conosciuto e citato in opere cinematografiche e musicali. Nota anche...

Reschio: dove la meraviglia è di casa

Nel piccolo borgo di Lisciano Niccone, tra le dolci colline umbre, troviamo Reschio: un castello millenario, ma anche un’antica tenuta con cinquanta...