Le Dolomiti di Georg Tappeiner

Le Dolomiti sosteranno a Roma fino al prossimo 2 settembre: le ha portate il fotografo altoatesino Georg Tappeiner (nato a Merano nel 1964), effigiandole in una quarantina di meravigliosi scatti ospitati nello Spazio Fontana del Palazzo delle Esposizioni. Il titolo della mostra: “Dolomiti, il cuore di pietra del mondo”.

«Ma le Dolomiti cosa sono?», si domandava il grande scrittore bellunese Dino Buzzati, che quelle montagne le aveva nel sangue. Ecco come rispondeva:

In certe giornate limpidissime di autunno, perfino dai tetti più alti di Venezia si possono distinguere, anche senza bisogno di binocolo, le Dolomiti. Non solo il loro confuso profilo di montagne, misteriosa barriera che chiude il Nord (e al di là che cosa esiste? quali mondi si stenderanno di là della muraglia?). Ma se ne riconosce anche il colore….

Di che colore? Si può trovare un aggettivo esatto per definire quella tinta così diversa da tutte le altre montagne, che al sottoscritto, ogni volta che ci fa ritorno e la rivede, provoca un trasalimento interno, risollevando ricordi struggenti? No, un aggettivo preciso non esiste. Più che di un colore preciso, si tratta di una essenza, forse di una materia evanescente che dall’alba al tramonto assume i più strani riflessi, grigi, argentei, rosa, gialli, purpurei, viola, azzurri, seppia, eppure è sempre la stessa, così come una faccia umana non cambia anche se la pelle è pallida o bruciata.

Avvicinatevi, vi prego, esaminate attentamente questo spettacolo che per noi Italiani è diventato di ordinaria amministrazione, e non ci facciamo più caso, eppure senza ombra di dubbio è una delle cose più belle, potenti e straordinarie di cui questo pianeta disponga. Soltanto per vederlo di sfuggita meriterebbe di venire apposta dall’Australia. E quando ci mostrano in fotografie a colori o in cinerama le rupi dello Zion o del Yosemite Park, in America, celebrate in tutto il mondo, a noi, scusate, viene semplicemente da ridere. (D. Buzzati, “I fuorilegge della montagna”, Mondadori, Milano 2013).

Photos via:
http://www.nationalgeographic.it/wallpaper/2018/06/19/foto/mostra_roma_dolomiti_il_cuore_di_pietra_del_mondo-4021985/16/#media

Dolomiti Dolomiten Dolomites

Volo sulla Civetta nelle Dolomiti Bellunesi

Dolomiti Dolomiten Dolomites

Paesaggio sull’Alpe di Fanes Piccola, sullo sfondo a destra la Furcia dai Fers

Dolomiti Dolomiten Dolomites

Volo sopra l’area delle Tre Cime di Lavaredo nelle Dolomiti di Sesto

Dolomiti Dolomiten Dolomites

Il Gruppo del Sassolungo, avvolto da nebbia e nuvole

Dolomiti Dolomiten Dolomites

Luna piena sopra la Pala di San Martino

Dolomiti Dolomiten Dolomites

La Marmolada (sullo sfondo a sinistra), il Gruppo del Sella (centro) e Sass Ciampac (in primo piano)

Dolomiti Dolomiten Dolomites

Le Dolomiti di Sesto, viste dai piedi delle Tre Cime di Lavaredo

Le Dolomiti di Georg Tappeiner

Roma
Palazzo delle Esposizioni, via Nazionale, 194
+39 06 39967500

WEEKLY POSTCARD

I più letti

Il Museo della Grande Guerra: la storia in vetta

Di Barbara PalladinoCi troviamo sulla Marmolada, in vetta, quota 3000 m. Qui si trova il Museo Marmolada Grande Guerra, uno spazio di...

Palazzo Giordano Apostoli: suggestioni neogotiche

Palazzo Giordano Apostoli si trova a Sassari, nella centrale Piazza d’Italia. Venne edificato nel 1877 - in quello che all'epoca veniva considerato...

Con Move To The Top, sul tetto delle Dolomiti

Di Barbara Palladino Dal 4 luglio riparte la funivia che conduce Malga Ciapèla sulla cima della Marmolada, cuore delle...

Tenute La Montina, regno del Franciacorta

Di Barbara PalladinoLe Tenute La Montina si trovano a Monticelli Brusati (BS), nel nord-est della Franciacorta, a ridosso di un ampio anfiteatro...