“Le antichità di Ercolano esposte” per volere del re di Spagna

Il libro di incisioni “Le antichità di Ercolano esposte” è un’opera realizzata tra il 1757 e il 1787 da un gruppo di studiosi – storici, archeologi ed esperti d’arte – riuniti nell’Accademia Ercolanense, un illustre comitato scientifico fondato nel 1755 da Carlo III di Borbone, re di Spagna e di Napoli.

L’idea di dare vita all’Accademia partenopea venne al sovrano spagnolo grazie alle attività di scavo che in quegli anni andavano riportando lentamente alla luce la città di Ercolano.

Il re, appassionato di cultura e storia antiche e nondimeno allettato dalle presumibili ricadute positive per la propria immagine pubblica qualora si fosse impegnato in prima persona a promuovere gli scavi, favorì concretamente il lavoro degli archeologi, sostenendo contestualmente le ricerche che si intensificavano anche a Pompei.

Nelle tavole raccolte negli otto volumi che compongono le “Antichità di Ercolano esposte” sono illustrati gli oggetti d’arte riportati alla luce in quegli anni. Sono disegni e incisioni realizzati da un gruppo di artisti attivi a Portici, tra i quali Filippo Morghen, Nicola Billy, Nicola Vanni, Francesco La Vega, Giovanni Morghen, Pierre Gaultier, Francesco Cepparoli, Pietro Campana, Camillo Paderni.

Eccone un’antologia.

Photos via:
http://www.atlantedellarteitaliana.it/artwork-1138.html

Antichità di Ercolano esposte - Herculaneum’s Antiquities on DisplayAntichità di Ercolano esposte - Herculaneum’s Antiquities on Display

"Bacco e Arianna"

Antichità di Ercolano esposte - Herculaneum’s Antiquities on Display

"Centauro e Baccante"

Antichità di Ercolano esposte - Herculaneum’s Antiquities on Display

"Gruppo femminile, forse Venere, Giunone e Atena"

Antichità di Ercolano esposte - Herculaneum’s Antiquities on DisplayAntichità di Ercolano esposte - Herculaneum’s Antiquities on DisplayAntichità di Ercolano esposte - Herculaneum’s Antiquities on Display

"Bacco e la pantera"

Antichità di Ercolano esposte - Herculaneum’s Antiquities on Display

"Arianna dormiente, Amore, Bacco e Baccanti"

Antichità di Ercolano esposte - Herculaneum’s Antiquities on Display

"Giovane donna seminuda"

Antichità di Ercolano esposte - Herculaneum’s Antiquities on Display

"Le Grazie"

Antichità di Ercolano esposte - Herculaneum’s Antiquities on Display

"Giovane ministra"

Antichità di Ercolano esposte - Herculaneum’s Antiquities on Display

"Ministra di Bacco o ballerina"

Antichità di Ercolano esposte - Herculaneum’s Antiquities on Display

"Nereide su una pantera"

Antichità di Ercolano esposte - Herculaneum’s Antiquities on Display

"Cinque figure e paesaggio"

Antichità di Ercolano esposte - Herculaneum’s Antiquities on Display

"Sileno, o Fauno"

Antichità di Ercolano esposte - Herculaneum’s Antiquities on Display

"Alessandro Magno"

Antichità di Ercolano esposte - Herculaneum’s Antiquities on Display

"La Fortuna"

Antichità di Ercolano esposte - Herculaneum’s Antiquities on Display

"Ippodamia, il Centauro Eurito e Teseo"

Antichità di Ercolano esposte - Herculaneum’s Antiquities on Display

"Teseo vincitore e il Minotauro ai suoi piedi"

WEEKLY POSTCARD

I più letti

Il Museo della Grande Guerra: la storia in vetta

Di Barbara PalladinoCi troviamo sulla Marmolada, in vetta, quota 3000 m. Qui si trova il Museo Marmolada Grande Guerra, uno spazio di...

Palazzo Giordano Apostoli: suggestioni neogotiche

Palazzo Giordano Apostoli si trova a Sassari, nella centrale Piazza d’Italia. Venne edificato nel 1877 - in quello che all'epoca veniva considerato...

Con Move To The Top, sul tetto delle Dolomiti

Di Barbara Palladino Dal 4 luglio riparte la funivia che conduce Malga Ciapèla sulla cima della Marmolada, cuore delle...

Tenute La Montina, regno del Franciacorta

Di Barbara PalladinoLe Tenute La Montina si trovano a Monticelli Brusati (BS), nel nord-est della Franciacorta, a ridosso di un ampio anfiteatro...