La Casa degli Atellani e la Fortuna

Nella Casa degli Atellani, a Milano, riecheggiava ogni giorno il clamore di feste note in tutta la città. Nelle ampie sale affrescate si celebrava il carnevale della vita, messo in rima da Lorenzo il Magnifico nella sua celebre “Canzona di Bacco”: «Quant’è bella giovinezza, /
che si fugge tuttavia!
/ chi vuol esser lieto, sia:
/ di doman non c’è certezza».

Fu Ludovico il Moro ad acquistare l’edificio, nel 1490, dalla famiglia dei Landi, conti di Piacenza. Ludovico era duca di Milano da circa dieci anni e decise di donare l’immobile – che si trovava nel cosiddetto “Barcho Ducale”, dove egli era uso andare a caccia – a una nobile famiglia di suoi cortigiani, gli Atellani, appunto. La zona della città intorno alla chiesa di Santa Maria delle Grazie – che lui stesso fece edificare come mausoleo di famiglia – doveva testimoniare il prestigio del suo casato. Colto umanista, Ludovico fu un mecenate intraprendente e ambizioso, un politico astuto e cinico.

Fece e disfece alleanze con i potenti d’Europa, tra i quali anche Lorenzo il Magnifico, signore di Firenze, con cui evidentemente condivideva l’idea che la vita degli uomini fosse guidata dall’imprevedibile Fortuna. E la Fortuna infatti non risparmiò nemmeno la Casa degli Atellani, che nel tempo mutò profondamente aspetto: l’architetto Piero Portaluppi nel 1922 la ristrutturò completamente e riprese i lavori di rifacimento anche dopo i bombardamenti della Seconda guerra mondiale, reinterpretando sapientemente lo stile quattrocentesco del fabbricato.

Certo è che la memoria di quel passato fastoso è ancora ben presente nei bellissimi interni. Del resto, così è la Fortuna, che non tiene conto dei desideri degli uomini, e fa e disfa i destini a proprio capriccio, come le alleanze politiche di Ludovico: tutto domani può cambiare, e il duca lo sapeva bene (avrebbe voluto essere seppellito a Milano, in Santa Maria delle Grazie, e invece ora il suo corpo si trova in Francia, dove morì nel 1508…). Però la bellezza è rimasta intatta in queste magnifiche sale.

Photos via:
http://lovelymilano.wordpress.com/2013/08/19/la-vigna-di-leonardo/
http://www.flickr.com/photos/storvandre/7630956214/

La Casa degli Atellani e la Fortuna

Milano
Corso Magenta, 65 - 67

WEEKLY POSTCARD

I più letti

Il Museo della Grande Guerra: la storia in vetta

Di Barbara PalladinoCi troviamo sulla Marmolada, in vetta, quota 3000 m. Qui si trova il Museo Marmolada Grande Guerra, uno spazio di...

Palazzo Giordano Apostoli: suggestioni neogotiche

Palazzo Giordano Apostoli si trova a Sassari, nella centrale Piazza d’Italia. Venne edificato nel 1877 - in quello che all'epoca veniva considerato...

Con Move To The Top, sul tetto delle Dolomiti

Di Barbara Palladino Dal 4 luglio riparte la funivia che conduce Malga Ciapèla sulla cima della Marmolada, cuore delle...

Tenute La Montina, regno del Franciacorta

Di Barbara PalladinoLe Tenute La Montina si trovano a Monticelli Brusati (BS), nel nord-est della Franciacorta, a ridosso di un ampio anfiteatro...