I poliedri leonardeschi del “De divina proportione” di Pacioli

Luca Pacioli (Borgo Sansepolcro, 1445 ca. – Roma, 1517) era un frate francescano. Ma è ricordato soprattutto come matematico e sodale di Leonardo da Vinci. E sono proprio riferibili a prototipi di Leonardo i disegni dei poliedri presenti nel “De divina proportione”, il trattato in lingua volgare sulle applicazioni della sezione aurea che Pacioli pubblicò a Venezia nel 1497, facendone dono a Ludovico il Moro, duca di Milano.

Un uomo del Rinascimento, curioso di tutto: di geometria, aritmetica, architettura, astrologia, musica… Una personalità suggestionata anche dal platonismo umanistico, con i suoi elementi mistico-magici.

Un uomo dalle molte facce, come i poliedri del “De divina proportione”.

WEEKLY POSTCARD

I più letti

Il Museo della Grande Guerra: la storia in vetta

Di Barbara PalladinoCi troviamo sulla Marmolada, in vetta, quota 3000 m. Qui si trova il Museo Marmolada Grande Guerra, uno spazio di...

Palazzo Giordano Apostoli: suggestioni neogotiche

Palazzo Giordano Apostoli si trova a Sassari, nella centrale Piazza d’Italia. Venne edificato nel 1877 - in quello che all'epoca veniva considerato...

Con Move To The Top, sul tetto delle Dolomiti

Di Barbara Palladino Dal 4 luglio riparte la funivia che conduce Malga Ciapèla sulla cima della Marmolada, cuore delle...

Tenute La Montina, regno del Franciacorta

Di Barbara PalladinoLe Tenute La Montina si trovano a Monticelli Brusati (BS), nel nord-est della Franciacorta, a ridosso di un ampio anfiteatro...