I piatti di Carlo Scarpa

Nel 1951, Carlo Scarpa ricevette parole d’ammirazione da parte del grande architetto Frank Lloyd Wright che si era trovato a visitare la vetreria Venini, azienda per la quale il designer veneziano aveva lavorato come direttore artistico dal 1934 al 1947. Scarpa aveva rinnovato il catalogo della Venini producendo piatti, bottiglie, vasi e ciotole in vetro con tecniche estremamente innovative. I suoi manufatti registrarono grande successo in prestigiose mostre internazionali di design.

Scarpa era stato iniziato a segreti e tecniche dell’arte vetraria a partire dalla fine degli anni Venti, quando incominciò a collaborare con i maestri di Murano. Continuerà a sperimentare a lungo, abbinando alle tecniche e ai cromatismi muranesi altre tradizioni artigianali europee e sue personali intuizioni. Le sue opere in vetro – come questi piatti – sono ancora oggi straordinariamente moderne.

WEEKLY POSTCARD

I più letti

Il Museo della Grande Guerra: la storia in vetta

Di Barbara PalladinoCi troviamo sulla Marmolada, in vetta, quota 3000 m. Qui si trova il Museo Marmolada Grande Guerra, uno spazio di...

Palazzo Giordano Apostoli: suggestioni neogotiche

Palazzo Giordano Apostoli si trova a Sassari, nella centrale Piazza d’Italia. Venne edificato nel 1877 - in quello che all'epoca veniva considerato...

Con Move To The Top, sul tetto delle Dolomiti

Di Barbara Palladino Dal 4 luglio riparte la funivia che conduce Malga Ciapèla sulla cima della Marmolada, cuore delle...

Tenute La Montina, regno del Franciacorta

Di Barbara PalladinoLe Tenute La Montina si trovano a Monticelli Brusati (BS), nel nord-est della Franciacorta, a ridosso di un ampio anfiteatro...