Carnevale, segnalibri in maschera

Il segnalibro indica un’interruzione temporanea. Si smette di leggere per un po’ perché è necessario fare altro. Allora si inserisce nel libro un promemoria così da facilitare il ritorno, quando sarà il tempo, all’“heri dicebamus” della pagina scritta, al “dove eravamo rimasti” di un romanzo o di un saggio. Nel frattempo ci sono un sacco di cose da sistemare.

Anche il Carnevale è un’interruzione: una momentanea e chiassosa sospensione dell’ordinaria amministrazione, un festoso e transitorio sovvertimento delle abitudini quotidiane.

Le maschere italiane raffigurate sui Segnalibri di Carnevale Fila (Fabbrica italiana lapis e affini), pubblicati per anni dall’azienda di origine fiorentina specializzata nella produzione di articoli per il disegno, invitano il lettore ad abbandonare per qualche momento il silenzio delle pagine e a gettarsi nel trambusto di un martedì grasso, tra stelle filanti e carri allegorici.

Il segnalibro rimarrà lì, amico fedele, stretto nell’abbraccio del volume, ad aspettare il ritorno dell’uomo che legge. “Ecco”, sembrerà dirgli, “ecco dove eravamo rimasti”.

WEEKLY POSTCARD

I più letti

Palazzina di Caccia di Stupinigi: fasti in stile Rococò

La Palazzina di Caccia di Stupinigi venne costruita nel 1729 su progetto di Filippo Juvarra e tra il XVIII e il XIX...

Pietro Piffetti: il re degli ebanisti

Di Barbara Palladino Le sue creazioni sono un sunto della magnificenza del Barocco del Settecento. Pietro Piffetti è stato...

Gabinetto del Segreto Maneggio degli Affari di Stato: trionfo dell’arte decorativa

Di Barbara PalladinoCi troviamo a Torino, nel Palazzo Reale, all’interno di uno dei gioielli del Barocco del Settecento. Il Gabinetto del Segreto...

Antonio Stradivari: leggenda e mito del suono perfetto

Di Barbara PalladinoIl violino Stradivari è noto in tutti il mondo come lo strumento perfetto. Suonarlo è il sogno di ogni musicista...