Boldini, la moda e le élite cosmopolite della Belle Époque

“Boldini sapeva riprodurre la sensazione folgorante che le donne sentivano di suscitare quando erano viste nei loro momenti migliori.” E’ la celebre frase di Cecil Beaton, fotografo e costumista britannico del Novecento, a dare la miglior definizione del pittore che ritrasse le donne più eleganti e iconiche della Belle Époque.

Giovanni Boldini (Ferrara, 1842 – Parigi, 1931) seppe trasporre su tela il fascino e il magnetismo di un’intera classe sociale, chic e à la page, che ai tempi era protagonista delle cronache mondane e culturali. Le socialité e le artiste dell’epoca, da Lina Cavalieri alla marchesa Casati, da Gladys Deacon a Eleonora Duse, vennero splendidamente immortalate nei suoi dipinti: eleganti, ritratte in pose manieristiche e plastiche, magnificamente esaltate da abiti preziosi.
Il successo del pittore, caratterizzato dallo stile iconico fatto di pennellate veloci e dinamiche, si deve infatti anche alla grande sinergia estetica e visiva con i più importanti couturier che vestivano l’élite del tempo: da Jacques Doucet alle sorelle Callot, da Charles Frederick Worth a Paul Poiret.

E’ proprio questo legame indissolubile tra contemporaneità e stile, tra forma e rappresentazione il fulcro della mostra “Boldini e la moda”, che resterà aperta fino al 2 giugno a Palazzo Diamanti a Ferrara. Essa presenta opere pittoriche, disegni, incisioni del pittore e dei colleghi Degas, Manet, Sargent, Whistler, Seurat, Blanche ed Helleu, ma anche abiti e accessori d’epoca che scandagliano il rapporto tra arte, abbigliamento e letteratura durante il periodo della Belle Époque. Il percorso è diviso in sezioni tematiche, presentate da scrittori che nel tempo hanno narrato la magnificenza della moda, da Gabriele D’Annunzio a Charles Baudelaire, da Oscar Wilde a Marcel Proust.

Osservando le opere di Boldini ci si sente protagonisti di un tempo che fu, tra crepitii di taffetà, mondanità e luccichi di strass. I suoi quadri hanno anticipato il linguaggio del cinema e della più celebre fotografia di moda, celebrando fascino ed eleganza e omaggiando l’edonismo di fin de siècle di un’epoca quasi mitica, per sempre cristallizzata sulle tele del grande artista.

Articolo di Barbara Palladino

 

“Boldini e la moda”
Fino al 2 giugno 2019
Palazzo dei Diamanti
Corso Ercole I d’Este 21, 44121 Ferrara
Tel. +39 0532 244949
http://www.palazzodiamanti.it/
E-mail: diamanti@comune.fe.it

Photos via:
http://www.palazzodiamanti.it/
https://it.wikipedia.org/wiki/File:Boldini_signora_in_rosa.jpg

Boldini, la moda e le élite cosmopolite della Belle Époque

Ferrara
Corso Ercole I d’Este, 21
+39 0532 244949

WEEKLY POSTCARD

I più letti

Il Museo della Grande Guerra: la storia in vetta

Di Barbara PalladinoCi troviamo sulla Marmolada, in vetta, quota 3000 m. Qui si trova il Museo Marmolada Grande Guerra, uno spazio di...

Palazzo Giordano Apostoli: suggestioni neogotiche

Palazzo Giordano Apostoli si trova a Sassari, nella centrale Piazza d’Italia. Venne edificato nel 1877 - in quello che all'epoca veniva considerato...

Con Move To The Top, sul tetto delle Dolomiti

Di Barbara Palladino Dal 4 luglio riparte la funivia che conduce Malga Ciapèla sulla cima della Marmolada, cuore delle...

Tenute La Montina, regno del Franciacorta

Di Barbara PalladinoLe Tenute La Montina si trovano a Monticelli Brusati (BS), nel nord-est della Franciacorta, a ridosso di un ampio anfiteatro...