Il Santuario della Fortuna Primigenia di Palestrina

Ci troviamo a Palestrina, un comune non lontano da Roma. Qui, alle pendici del monte Ginestro, sorge il Santuario della Fortuna Primigenia, costruito nel II secolo a.C. Considerato tra i maggiori esempi di architettura ellenistica in Italia e ispirato ai complessi monumentali dell’Egeo orientale, era celebre in tutto il mondo romano come luogo di culto. I devoti arrivavano qui per consultare quelle che Cicerone chiamava le “sortes“, ovvero i responsi oracolari, estratti dal pozzo sacro da un fanciullo.

Nel XII secolo, sul Santuario è stato costituito il Palazzo Colonna-Barberini, ricostruito nelle forme attuali da Taddeo Barberini nel 1640 e trasformato nel 1956 nel Museo archeologico nazionale di Palestrina, che oggi ospita opere importanti come il “Mosaico del Nilo“, risalente al II o I secolo a.C. e rinvenuto nel Palazzo Vescovile nel XVI secolo.

L’imponente struttura del Santuario è a terrazze, collegate da scalinate. Il complesso disegno ingegneristico e architettonico venne poi ripreso in altri illustri progetti, come il Belvedere Vaticano progettato dal Bramante o nelle piante di residenze romane come Villa d’Este.

 

Santuario della Fortuna Primigenia
Piazza della Cortina
Palestrina (Roma)

Photos via:
https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/c/cb/Santuario_emiciclo_colonna_particolare.JPG https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/2/23/Santuario_emiciclo_colonne_4.JPG https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/7/7a/Santuario_pozzo_e_cavea_2.JPG/1024px-Santuario_pozzo_e_cavea_2.JPG https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/3/32/Santuario_statua.JPG https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/d/db/Santuario_nicchie_2.JPG/1024px-Santuario_nicchie_2.JPG

January 5, 2020