Il Farm Cultural Park di Favara e l’importanza dei numeri

Per il Farm Cultural Park di Favara, galleria d’arte e residenza per artisti in provincia di Agrigento, i numeri sono importanti.

A cominciare dal sette. Sette sono infatti le piccole corti di cui è costituito il parco culturale, fondato nel 2010 da Andrea Bartoli – notaio – e da sua moglie Florinda Saieva – avvocato – all’interno dell’arabeggiante Cortile Bentivegna.

Il sei corrisponde al sesto posto di piazzamento raggiunto dal Farm Cultural Park come meta turistica internazionale per gli appassionati di arte contemporanea secondo la classifica del blog inglese “Purple Travel”.

Cinque sono le gallerie d’arte e gli spazi espositivi per le mostre permanenti e temporanee.

Il quattro rappresenta bene il calendario delle iniziative artistiche del parco di Favara: ogni quattro mesi vengono infatti allestite nuove mostre temporanee.

Tre sono invece i punti di riferimento dai quali è nata l’idea del progetto: il Palais de Tokyo di Parigi; la città di Marrakech, in Marocco; il Mercato di Camden Town, a Londra.

Il due è numero fondamentale negli intenti degli ideatori dell’iniziativa, che vogliono fare di Favara la seconda attrazione turistica agrigentina dopo la Valle dei Templi.

Uno – e unico – è naturalmente il Farm Cultural Park di Favara.

 

Photos via:
www.facebook.com/farmculturalpark www.flickr.com/photos/patlugo2011_impro-music/9127469450/ www.flickr.com/photos/gpalermo/5229604697/ www.flickr.com/photos/tango-/6006927278/

December 16, 2013

Il Farm Cultural Park di Favara e l’importanza dei numeri

Favara (Ag)
Cortile Bentivegna
+39 0922 34534 +39 320 1793171