Il Bosco della Ragnaia, arte contemporanea e parole

Bosco della Ragnaia, San Giovanni d'Asso, Siena.

Il Bosco della Ragnaia è un parco pubblico adagiato su una collina nei pressi di San Giovanni d’Asso, piccolo borgo in provincia di Siena.

È un’interessante opera d’arte contemporanea dell’architetto e paesaggista statunitense Sheppard Craige, che ha ricavato in questo spazio tra le colline senesi una multiforme varietà di luoghi da esplorare.

Aree boschive, un anfiteatro naturale di cipressi e siepi, ma anche numerose sculture, tra cui alcuni pannelli con iscrizioni, familiari ed enigmatiche. L’intento è quello di offrire la possibilità di fare una passeggiata contemplativa nella natura. E pure di farsi qualche domanda.

Le parole che s’incontrano nel Bosco della Ragnaia sono aforismi o semplici indicazioni che ognuno è libero di interpretare come vuole.

C’è anche un libro sulla cui copertina metallica campeggia il titolo: “Le cose come sono”. Aprendolo, si scopre un’unica pagina, che è uno specchio rivolto verso il cielo.

Ecco, quell’oggetto potrebbe far venire alla mente la famosa frase di san Paolo: «Ora vediamo come in uno specchio, in maniera confusa; ma allora vedremo a faccia a faccia. Ora conosco in modo imperfetto, ma allora conoscerò perfettamente, come anch’io sono conosciuto».

Ma è solo una suggestione, e qui c’è assoluta libertà di interpretazione.

©ebiggs vancouver, ©Nino Campisi

December 22, 2015

Il Bosco della Ragnaia, arte contemporanea e parole

San Giovanni d'Asso (Si)