I mosaici di San Savino e il labirinto perduto

san-savino-09

Nella cripta della Basilica di San Savino, a Piacenza – consacrata nel 1107 e più volte rimaneggiata nei secoli successivi –, c’è un meraviglioso mosaico pavimentale a tessere bianche e nere risalente agli inizi del XII secolo, con medaglioni raffiguranti i dodici mesi dell’anno, i segni zodiacali e le attività legate all’agricoltura.

Proprio nella porzione della chiesa che sovrasta la cripta, nel presbiterio, c’è un mosaico molto probabilmente “gemello” di quello appena descritto. In esso campeggiano varie figure: Cristo che tiene nelle mani la luna e il sole (Signore del tempo), e poi le virtù cardinali simboleggiate dal Re Giudice (la Giustizia), dalla partita a scacchi (la Prudenza), da uomini che recano in mano dei bicchieri (la Temperanza) e da due soldati (la Fortezza).

C’è chi ha fornito un’interpretazione di quest’opera decodificandola allegoricamente alla luce di un testo andato perduto – che sormontava un labirinto visibile fino al XVII secolo – nel quale, tra l’altro, si leggeva: «Hunc Mundum  tipice  Laberinthus denota  iste  / intranti  largus,  redeunti sed  nimis  artus…», ossia: il labirinto rappresenta questo mondo, largo per vi chi entra, ma strettissimo per chi desideri uscirne…

Ecco alcune immagini dell’opera musiva.

Photos via:
https://viapozzo6.wordpress.com/tag/san-savino/

June 20, 2018

I mosaici di San Savino e il labirinto perduto

Piacenza
Via Giulio Alberoni, 35
+39 0523 318165