Gli Sposi etruschi, una coppia inossidabile

Sarcofago degli Sposi etruschi

La celebre coppia degli Sposi etruschi riposa libando dal VI secolo a. C. L’antico sarcofago in terracotta, ritrovato a Cerveteri, nel Lazio, nel 1881, è oggi conservato nel Museo Nazionale etrusco di Villa Giulia, a Roma.

I due hanno il volto sereno e il sorriso è quello cosiddetto “arcaico”, con le commessure delle labbra rivolte all’insù, come se mancasse la terza dimensione su cui far scorrere in profondità il rilievo delle bocche. Forse si versano unguenti sulle mani, forse stanno bevendo da coppe che il tempo ha fatto scomparire chissà dove.

Sono adagiati su un triclinio, nella posizione classica dei banchettanti. Lui, fiero e sicuro, le cinge una spalla; lei lo lascia fare, cosciente della propria prorompente bellezza e delle proprie virtù. Stanno lì da duemila e cinquecento anni.

Sulla concezione dell’amore e dei rapporti coniugali nella civiltà etrusca è stato scritto molto. Ne parlarono lo storico greco Teopompo, nel IV secolo, poi, circa trecento anni dopo, i romani Catullo e Virgilio. E non furono teneri nel descrivere le presunte lascivie e la corruzione dei costumi di quell’antico popolo.

I due coniugi non se ne curano. Sono tranquilli, nessuna parola può ferire la loro olimpica calma coniugale.

May 30, 2014

Gli Sposi etruschi, una coppia inossidabile

Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia
Roma, piazzale di Villa Giulia, 9
+39 06 3226571
+39 06 3202010