Doppiamente beati nella Villa Aldobrandini di Frascati

Villa Aldobrandini, Frascati (Roma)

A Villa Aldobrandini, a Frascati – forse sarebbe meglio dire “che sovrasta Frascati”, data la sua posizione su un’altura panoramica dominante l’ingresso nella città laziale –, sono conservati bellissimi affreschi del Cavalier d’Arpino e del Domenichino.

Il primo dei due artisti – al secolo Giuseppe Cesari (1568-1640), maestro di Caravaggio – regalò un grande stupore allo scrittore francese Stendhal, tanto da indurlo ad affermare: «Nel vasto campo delle arti nulla mi sembra superiore alla “Giuditta con la testa di Oloferne” di Villa Aldobrandini. Eppure pare essere ignorata dai viaggiatori…».

Anche Goethe visitò la bellissima Villa voluta da papa Clemente VIII e realizzata tra il 1598 e il 1621 grazie al lavoro dei tre grandi architetti Giacomo della Porta, Carlo Maderno e Giovanni Fontana.

Come Stendhal, pure il poeta tedesco fu colpito da alcuni affreschi della Villa. Nella fattispecie, da quelli del Domenichino (al secolo Domenico Zampieri, 1581-1641):

Con il più grande rapimento si vede, nella sala di Apollo della Villa Aldobrandini a Frascati, in che modo felice il Domenichino ambienti le “Metamorfosi” di Ovidio nei paesaggi più adatti; a questo proposito ci si ricorda poi volentieri che gli avvenimenti più felici vengono vissuti in modo doppiamente beato se ci sono concessi in un posto magnifico, anzi che momenti indifferenti hanno acquistato un più alto significato grazie a una degna località.

Godiamoci la doppia beatitudine che ci concede questo posto magnifico.

Photos via: ©www.lindmanphotography.com, ©Re Leone, ©Antonio Casti, ©Nathalie Boisard-Beudin, ©mapio.net, ©Vinicio Tullio, ©brunofototours.blogspot.it

November 21, 2016

Doppiamente beati nella Villa Aldobrandini di Frascati

Frascati (Roma)
Via Cardinal Massaia, 18
+39 06 6833785
+39 06 6877291