Carosello: la storia della comunicazione passa da qui

Di Barbara Palladino

Si intitola “Carosello. Pubblicità e Televisione 1957-1977” la mostra allestita presso la Fondazione Magnani Rocca a Villa dei Capolavori vicino Parma.

Il percorso guida il visitatore attraverso le creazioni di Armando Testa, Erberto Carboni, Raymond Savignac, Giancarlo Iliprandi, Pino Tovaglia e tanti altri nomi noti e segue la prima esposizione dedicata alla storia della pubblicità che aveva invece analizzato il periodo dal 1890 al 1957 e ripercorso la nascita della comunicazione e del manifesto pubblicitario.

Questa volta, però, viene introdotto un nuovo media, la televisione, che attraverso Carosello entrò nelle case degli italiani, rivoluzionandone i gusti e presentando per la prima volta personaggi animati entrati a far parte dell’immaginario comune come La Linea di Osvaldo Cavandoli, Calimero di Pagot o Angelino di Paul Campani, vere e proprie icone del mondo della comunicazione.

La mostra propone bozzetti, schizzi, rodovetri e storyboard, ma anche cartelloni pubblicitari con celebri cantanti dell’epoca, da Frank Sinatra a Ornella Vanoni, Patty Pravo o Gianni Morandi, ma anche registi come Ettore Scola o Luciano Emmer, attori come Totò o Alberto Sordi e personaggi amatissimi del piccolo schermo come Mike Bongiorno, Sandra Mondaini e Raimondo Vianello.

Tra le tante meraviglie, rari rodovetri utilizzati per le animazioni dei caroselli con Re Artù e i cavalieri della tavola rotonda, alcune storie di Topo Gigio – testimonial per i Pavesini fra il 1963 e il 1975 – ma anche alcuni Caroselli con Mina con abiti disegnati da Piero Gherardi, costumista di Fellini, e messi a disposizione dall’Archivio Storico Barilla.

 

 

“Carosello. Pubblicità e Televisione 1957-1977”
Fino all’otto dicembre 2019
Fondazione Magnani Rocca
Via Fondazione Magnani Rocca, 4
Mamiano di Traversetolo (Parma)
https://www.magnanirocca.it

Photos via:
https://www.magnanirocca.it

December 3, 2019