A Milano nasce il Mudec sotto il segno dell’Africa

Mudec, Museo delle Culture, Milano

Lo scorso 27 marzo ha aperto i battenti a Milano il Mudec, il Museo delle Culture, allestito nell’ex Fabbrica Ansaldo, in via Tortona, 56.

Lo spazio espositivo – un polo multidisciplinare di 17mila metri quadrati che aspira a diventare un laboratorio permanente di ricerca, testimonianza e divulgazione dell’attività creativa e artistica dei popoli di tutti i continenti – è stato progettato da David Chipperfield. L’architetto londinese, nella sua più che trentennale carriera ha collezionato un palmarès ricco di opere sparse in tutto il mondo. In Italia ha realizzato numerosi store per Dolce e Gabbana, Valentino, Olivetti e Alessi, oltre che la Cittadella Giudiziaria di Salerno.

Le iniziative del Mudec nascono sotto il segno del Continente nero: fino al 30 agosto sarà infatti ospitata la mostra “Africa. La terra degli spiriti”, curata da Claudia Zevi, che ha selezionato con grande intelligenza quasi trecento manufatti antichi e moderni (dal Medioevo al XX secolo): oggetti che rappresentano suggestive testimonianze di una cultura così meravigliosamente lontana e diversa eppure, ormai, così evidentemente prossima alla nostra quotidianità.

Accanto all’Africa c’è il capoluogo lombardo, con la mostra “Mondi a Milano”, in cui la storia della città è raccontata attraverso gli eventi espositivi più importanti che essa ha ospitato nel corso dell’Ottocento e del Novecento, come, tra gli altri, le Biennali e le Triennali: in questo modo si dà conto degli straordinari rapporti tra la grande metropoli e le culture non europee.

Photos via:
www.mudec.it

April 21, 2015

A Milano nasce il Mudec sotto il segno dell’Africa

Milano
via Tortona,
+39 02 54917