Villa Necchi Campiglio

A Villa Necchi Campiglio, edificata tra il 1932 e il 1935 nel cuore di Milano, in via Mozart, 14, ci sono una piscina riscaldata, un campo da tennis, vastissimi bagni con marmi preziosi, un sistema citofonico di comunicazione interna, una grandissima saracinesca che sbuca dal suolo per bloccare gli ingressi di notte.

Una serie di optional e accessori tecnologici che, se ancora oggi sorprendono, senz’altro ottant’anni fa erano cose dell’altro mondo. Naturalmente non è solo questa connotazione “futurista” a renderla interessante.

Progettata dall’architetto Piero Portaluppi, e dal 1938 rivisitata da Tommaso Buzzi, su commissione di una colta famiglia altoborghese industriale – i Necchi Campiglio, appunto, attivi imprenditori, fra gli anni Venti e gli anni Sessanta, nella produzione di ghise e macchine da cucire (la “Necchi” è marchio e modello celebre in Italia) –, la dimora unifamiliare in stile novecentista, unica nel suo genere per bellezza e conservazione, custodisce, nei luminosi spazi interni, caratterizzati da elementi di art déco, opere d’arte del primo Novecento (Martini, Morandi, De Chirico, De Pisis, Sironi, Balla, Boccioni, Carrà, Wildt) e del XVIII secolo (dipinti di Canaletto, Tiepolo, Rosalba Carriera, e poi mobili francesi, ceramiche lombarde, porcellane cinesi e preziose miniature di Jean Baptiste Isabey).

La Villa fa parte del circuito delle “Case Museo di Milano”.

Photos via:
www.fondoambiente.it

December 11, 2013

Villa Necchi Campiglio

Milano
Via Mozart, 14
+39 02 76340121