Il Museo K.U.K.

Il Museo K.u.K. Bagni Egart, a Parcines, in Val Venosta, si trova nella casa termale più antica del Tirolo, attiva già nella prima metà del XV secolo.

Circa mezzo secolo fa, il cavaliere Karl Platino, più noto come Onkel Taa, volendo conciliare le sue due grandi passioni, la cucina e il collezionismo, allestì in questa struttura – negli ipogei della quale sgorga la sorgente d’acqua termale conosciuta fin da epoca romana – un ristorante e un museo.

Nel primo si possono gustare rarissimi piatti a base di lumache; nel secondo, vero museo regionale, si ammirano utensili e porcellane d’epoca, strumenti di lavoro della storia popolare tirolese, vetrine e mobili in stile liberty, oggetti Biedermaier, minerali e fossili, bambole del XIX secolo…

C’è anche un’interessantissima sezione storica dedicata agli Asburgo, soprattutto all’imperatore Francesco Giuseppe e a sua moglie Elisabetta di Baviera, la principessa Sissi.

La principessa, quando soggiornava a Merano, frequentava i bagni termali Egart. Amava scrivere poesie tristi, come questa: «Io, povera lepre stremata, / ho bisogno di riposo, smettetela! / Fino a che non suoni il corno / resterò qui, senza muovermi […] / Nascosta nel cuore delle foglie / forse arriverò finalmente / a trovare la pace e l’oblio».

Ci piace pensare che versi così malinconici le siano stati suggeriti dalla pace di questo luogo.

Photos via:
www.bad-egart.com

December 6, 2013

Il Museo K.U.K.

Parcines (Bz)
Via Stazione, 17
+39 0473 967342