Scanno, borgo dei grandi fotografi

Scanno, Hilde Lotz-Bauer, 1930

Hilde Lotz-Bauer, 1930

A me Scanno ha dato l’impressione di una paese di favola, pieno di sole, con figurine nere. Ho cercato di bruciare i particolari proprio perché sparisse via tutto quello che poteva far pensare al documentario, così pensavo di trovare dentro più poesia. Non ho mai pensato di fare del realismo con Scanno […] ma solo delle cose, anche se non eccezionali, che riproducessero il mio stato d’animo in quel momento.

Sono parole di Mario Giacomelli (1925-2000) che nel 1957 e nel 1959, in compagnia del collega Renzo Tortelli, immortalò scorci del paese abruzzese.

Giacomelli e Tortelli ripercorrevano i passi di altri grandi fotografi che avevano fatto di Scanno una tappa imprescindibile del loro Grand Tour per immagini. Negli anni Trenta c’era stata la tedesca Hilde Lotz-Bauer (1907-1999) e nel 1951 Henri Cartier-Bresson aveva girato per queste stradine non ancora macchiate di modernità con l’animo teso… ansioso di catturare con una sola immagine l’essenziale di ogni scena che gli si parava davanti.

Negli anni successivi visiteranno l’affascinante borgo in provincia dell’Aquila altri artisti importanti, tra i quali Gianni Berengo Gardin, Piergiorgio Branzi, Ferdinando Scianna e Pepi Merisio.

Photos via:
© Pepi Merisio
© Gianni Berengo Gardin
© Piergiorgio Branzi
© Mario Giacomelli
© Ferdinando Scianna
© Renzo Tortelli
© Henri Cartier-Bresson

June 5, 2015

Scanno, borgo dei grandi fotografi

Scanno (Aq)