Savona 18 Suites, la casa di ringhiera di Aldo Cibic

Hotel-Savona18Suites_01

C’erano una volta le case di ringhiera di Milano. E ci sono ancora. Come quella di via Savona, 18, toponimo stradale e relativo numero civico che hanno dato il nome al prestigioso boutique hotel “firmato” dal designer Aldo Cibic.

Il Savona 18 Suites, situato nella zona dei Navigli di Milano, a pochi passi da via Tortona, conserva, grazie al lavoro creativo di Cibic (che è stato tra i fondatori, insieme a Ettore Sottsass, del celebre Gruppo Memphis) l’immagine architettonica del tipico esempio di casa popolare milanese rappresentativo dello “stile” delle corti residenziali meneghine dei primi del Novecento.

Le case di ringhiera, appunto, o case a ballatoio, cantate nelle loro canzoni da Enzo Jannacci e Dario Fo («Terzo piano, quarta ringhiera, la luce è ancora accesa; / io so che sei su, Lina, ma non guardi giù, non mi vedi, / non vedi che son qui sul marciapiede / che cammino avanti e indietro, e mi fanno male i piedi, Lina, oh Lina!», “La Luna l’è una lampadina”); da Giorgio Gaber («Porta Romana bella, Porta Romana, / in un cortile largo e fatto a sassi / io fischio, / tu t’affacci alla ringhiera / poi scendi / e il pomeriggio è tutto nostro», “Porta Romana bella”); o ricordate nei suoi racconti da Delio Tessa («In via Fieno trovavamo in tavola ad aspettarci il solito pranzo della domenica: riso e fegatini e arrosto coll’insalata. Se c’erano le ciliegie me le prendevo nel tovagliolo e andavo a mangiarle sulla ringhiera», “Brutte fotografie di un bel mondo”).

Eccola, la casa di ringhiera reinventata da Aldo Cibic.

Photos via:
https://www.savona18suites.it/design

June 15, 2018

Savona 18 Suites, la casa di ringhiera di Aldo Cibic

Milano
Via Savona, 18
+39 02 2555201