Napoleone nella Palazzina dei Mulini di Portoferraio

palazzina-napoleonica-01

La Palazzina dei Mulini di Portoferraio, sull’isola d’Elba, è un luogo che da un paio di secoli accende l’interesse e la fantasia di storici e scrittori.

Come Ernesto Ferrero, che ha ambientato anche in questi spazi il suo bellissimo romanzo “N.” (vincitore nel 2000 del Premio Strega), dal quale il regista Paolo Virzì ha poi tratto, nel 2006, un delizioso film.

Interesse più che giustificato, perché proprio in questa Palazzina, dal 4 maggio 1814 al 26 febbraio 1815, soggiornò Napoleone Bonaparte.

L’imperatore in esilio, giunto nell’isola dopo una precipitosa fuga dal porto di Marsiglia sulla nave inglese “HMS Undaunted”, fece della costruzione la propria residenza ufficiale. Qui trascorse gli otto mesi precedenti il suo ultimo “volo dell’Aquila”, che spiccò dall’Elba verso la Francia per tentare di riconquistare il potere perduto. Ma ad attenderlo c’erano Waterloo e un’altra isola, la fatale Sant’Elena.

La Palazzina di Portoferraio – realizzata a partire dai primi decenni del Settecento come abitazione del giardiniere del granduca di Toscana e così chiamata per la presenza nelle vicinanze di alcuni mulini a vento – era utilizzata dal generale corso soprattutto per eventi pubblici.

Poiché Napoleone era un “Empereur ordonné” , spiegano le studiose Roberta Martinelli e Velia Gini Bartoli, la sua vita all’Elba era regolata dal principio del “tout comme à Paris” in perfetta coerenza con le sue abitudini, come ripeteva in continuazione al conte Bertrand, gran maresciallo e responsabile del funzionamento della “Maison” che contava adesso all’Elba, come riporta testualmente il Tesoriere, barone Peyrusse,”solo” 12 ufficiali e 67 addetti.

Il nuovo ordine della sua corte rappresentava, se pur in forma ridotta, il corrispettivo elbano dell’“Etiquette du Palais Impérial”; vi erano descritti i ruoli di ciascun componente durante il corso della giornata, “le lever” e “le coucher” dell’Imperatore, gli ingressi al palazzo, il servizio della tavola, il servizio del Salone, il servizio di notte, la pulizia degli appartamenti e il servizio dei valletti (R. Martinelli-V. Gini Bartoli, “Napoleone imperatore, imprenditore e direttore dei lavori all’Isola d’Elba”, Gangemi Editore, Roma 2014).

Entriamo in casa dell’Imperatore.

Photos via:
https://www.elba-urlaub.info/elbas-regionen/portoferraio/portoferraio-villa-dei-mulini#gallery-2/22

September 3, 2018

Napoleone nella Palazzina dei Mulini di Portoferraio

Potoferraio (Livorno)
Piazzale Napoleone
+39 0565 915846