Il museo atelier “ristorarte” Canova Tadolini

Nel museo atelier “ristorarte” Canova Tadolini, a via del Babuino, nel cuore di Roma, busti di papi accigliati o benedicenti, simulacri di atletici dèi, bassorilievi di nobildonne pallide e meditabonde, modelli anatomici di ali smarrite da una Nike o da un arcangelo in volo si sporgono dalle pareti o grandeggiano su piedistalli nella confusione tipica  della bottega d’arte.

Qui le parole di Paul Claudel si capiscono bene: «L’ordine è il piacere della ragione; ma il disordine è la delizia dell’immaginazione». Lo scultore Antonio Canova, massimo esponente del neoclassicismo italiano, fece di queste sale il suo studio, lasciandolo poi in eredità nel 1818 al suo allievo prediletto, Adamo Tadolini, che a sua volta lo affidò ai propri discendenti, anche loro scultori di vaglia, cui appartenne fino al 1967.

Ed ecco, allora, la disordinata fucina di opere ispirate all’ideale di ordinata bellezza neoclassica, e non solo. I modelli preparatori qui custoditi insieme agli strumenti di lavoro raccontano infatti due secoli di scultura, così che grazia neoclassica, impeto romantico e intimismo borghese si mischiano e convivono felicemente in un ambiente organizzato anche come caffetteria e ristorante. Per la delizia dell’immaginazione.

Photos via:
www.canovatadolini.com/?l=en

December 11, 2013

Il museo atelier “ristorarte” Canova Tadolini

Roma
Via del Babuino 150A-B
+ 39 06 32110702