Lo “Specchio di Venere”, la vita calma di Pantelleria

Lago di Venere, Pantelleria, Sicilia, Trapani

Lo chiamano “Specchio di Venere”, o “Bagno dell’Acqua”, e si trova nella bellissima isola siciliana di Pantelleria.

È un lago “pseudovulcanico” gorgogliante di getti di anidride carbonica, ha un diametro di cinquecento metri, occupa il fondo antichissimo di una caldera ed è alimentato da sorgenti termali da cui scaturisce acqua a 50-60 gradi di temperatura.

Leggiamo le impressioni dello scrittore Cesare Brandi (“Terre d’Italia”, Bompiani, Milano 2006):

È un laghetto, sul tipo di Albano [vicino a Roma, ndr], ma tanto più piccolo, come una grande fontana. Il verde lo chiude all’intorno, e riflettendosi rende le acque scure, come fuse: la Montagna Grande, quasi supina, all’indietro, fa il pediluvio.

E torno torno le sorgenti di acqua calda, lisciviosa, con quelle bavette di ruggine, che è quanto resta della rabbia del vulcano. Qui dovrebbero esserci i resti di un santuario cartaginese, di quelli orridi, pieno di ossa di bambini: ma nessuno seppe indicarmelo.

Ciò che non si scorda del lago è il suo aspetto bucolico, il senso di un tramonto lungo che avviene lontano, e di vita calma, assettata, immemore, finita la guerra degli elementi.

©Charlie Beard, ©Cinzia I., ©Marco Dajethy

August 12, 2016

Lo “Specchio di Venere”, la vita calma di Pantelleria

Pantelleria (Tp)