L’atteso ritorno della Biennale di Scultura di Gubbio

Gubbio, XXVI edizione della Biennale di Scultura – 26th edition of the Sculpture Biennial

Angelo Casciello, "Il vento di Velia", 1995, ferro dipinto

Dal prossimo 16 ottobre e fino al 15 gennaio dell’anno prossimo la scultura contemporanea italiana si mette in mostra a Gubbio, negli splendidi scenari di due edifici del passato: il trecentesco Palazzo dei Consoli e il quattrocentesco Palazzo Ducale.

Si tratta della XXVI edizione della Biennale di Scultura, inaugurata nel 1956 nella città umbra e sospesa da otto anni (l’ultima edizione si è tenuta nel 2008).

Un atteso ritorno, quindi, che si è concretizzato grazie all’iniziativa del Comune di Gubbio e della Soprintendenza di Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria.

Nelle sale dei due magnifici palazzi eugubini stanno già dialogando giovani artisti e noti maestri della scultura. I curatori – Graziella Cirri e Roberto Borsellini – hanno infatti pensato di dedicare una sezione della mostra ai bozzetti realizzati da sedici studenti, uno dei quali vedrà la propria opera prendere posto lungo il percorso artistico di Parco Ranghiasci (che ospita sculture di autori affermati).

Naturalmente l’esposizione comprende le creazioni plastiche di numerosi artisti di fama nazionale e internazionale, oltre che uno spazio dedicato alle sculture di alcuni protagonisti del Novecento, come Leoncillo Leonardi, Enrico Castellani e Arnaldo Pomodoro.

©Simone Berettoni, ©François

November 4, 2016

L’atteso ritorno della Biennale di Scultura di Gubbio

Gubbio (Perugia)
Palazzo dei Consoli (Piazza Grande) e Palazzo Ducale (via Federico da Montefeltro)
+39 075 9220693