L’Armeria Reale di Torino

L’Armeria Reale di Torino nasce da un’idea di Carlo Alberto di Savoia (1798-1849), re di Sardegna, che, nel terzo decennio del XIX secolo, inizia a raccogliere le armi di proprietà della casata sabauda nella Galleria Beaumont, ormai svuotata dalle grandi tele appena trasferite nella Regia Pinacoteca.

Si deve a Vittorio Seyssel D’Aix, capitano di artiglieria e primo direttore dell’“Armeria Antica e Moderna”, l’organizzazione della Galleria, che fu inaugurata nel 1837 con la raccolta di oggetti provenienti dagli Arsenali di Torino e Genova e dal Museo di Antichità, ai quali, successivamente, si aggiunsero esemplari acquistati nel mercato antiquario, tra cui la collezione dello scenografo milanese Alessandro Sanquirico e quella della famiglia bresciana Martinengo della Fabbrica.

Negli anni successivi entrarono a far parte dell’Armeria i locali della Rotonda, progettati da Pelagio Palagi, per ospitare tra l’altro, la raccolta di armi orientali e le collezioni personali di Carlo Alberto e Vittorio Emanuele II.

L’Armeria attualmente ospita – oltre alla collezione di monete e a una selezione di antichità classiche e oggetti preziosi di Carlo Alberto – più di 5mila oggetti che spaziano dalla preistoria all’inizio del Novecento. Uno dei nuclei più importanti è costituito dalle armi e armature cinquecentesche.

Sede: Musei Reali di Torino
Piazzetta Reale, 1
mr-to@beniculturali.it
www.museireali.beniculturali.it/armeria-reale

Photos via:
https://www.museireali.beniculturali.it/armeria-reale/ https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Armeria_Reale_Torino_22072015_13.jpg www.museotorino.it/view/s/ee1e3ab8a840447d9fe2d934d2b4aed2 www.mole24.it/2015/11/27/torino-e-larmeria-reale-una-collezione-magnifica/

September 10, 2019