La vera Venezia della Regata Storica

Regata storica di Venezia - Venice Historical Regatta

Ogni anno, la prima domenica di settembre, il Canal Grande di Venezia si riempie di imbarcazioni colorate dai nomi per lo più sconosciuti a chi non ha dimestichezza con le tradizioni lagunari: “maciarele”, “pupparini”, “mascarete”, “caorline”, “bisse”. E “gondoline”, il cui suono, sebbene “diminuito”, è invece internazionale.

Sono le imbarcazioni della Regata Storica, una manifestazione remiera che tiene insieme una rievocazione storica e una gara competitiva.

Le origini della Regata – che quest’anno avrà luogo domenica 4 settembre – sono remote: secondo alcuni risalgono alla fine del X secolo, e sono legate al famoso episodio del “ratto delle Donzelle”, di cui abbiamo già parlato in un articolo.

Si incomincia con il corteo storico, nel quale le “bissone” la fanno da padrone, anche perché non circolano abitualmente in laguna. Il corteo celebra la figura di Caterina Cornaro (1454-1510), regina veneziana di Gerusalemme, Armenia e Cipro.

Poi hanno inizio le gare di voga veneta, competizioni destinate a varie categorie, a seconda dell’età dei rematori e del tipo di natante.

Nel suo romanzo “Serenissima”, Erica Jong descrive così la Regata Storica:

Venezia appartiene ai veneziani, nel giorno della Regata, alla gente che lavora, e uno può ben smarrirsi nel loro ampio seno […]. È il popolo di Venezia ad amare maggiormente la Regata, a conoscere i nomi di tutti i regatanti, ad applaudire la Regata delle Donne (loro madri e sorelle), degli Alberoni, di Pellestrina, dei Traghetti, dei Santi Giovanni e Paolo, di Mestre, di Burano, di Murano e così via. Questa è la loro festa….

Mentre le barche cominciano a gareggiare sul Canal Grande diviene evidente che Venezia non è affatto la città di famosi, splendidi forestieri che a volte sembra essere (almeno durante la stagione estiva), bensì una città di plaudenti bottegai, barcaioli, cuochi, camerieri, spazzini, pescatori, domestiche. Questa Venezia – la Venezia che appartiene ai veneziani, la Venezia che appartiene alla fiorente borghesia della più borghese delle città (nonostante il suo passato patrizio, la sua fama) è, in effetti, la vera Venezia (se v’è una cosa come una singola vera Venezia).

Sono persone con cui Shakespeare – se realmente fu qui – si sarebbe trovato molto di casa, poiché conosceva i loro simili a Londra. Erano il suo pubblico, i suoi parenti, i suoi amici. Mi aggiro per le calli, lungo le fondamenta, attraverso i campielli di questa città con i veri veneziani, in questa giornata delle giornate… (E. Jong, “Serenissima”, Bompiani, Milano 2001).

Photos via: ©Kenneth A. Wilson, ©Elisa, ©Caterina K, ©Igor Bass

August 29, 2016

La vera Venezia della Regata Storica

Venezia
+39 041 2722660
+39 041 2722663