La Tenuta Castelbuono e il Carapace

Nella Tenuta Castelbuono (a Bevagna, in Umbria), dove la famiglia Lunelli produce il Montefalco Sagrantino, si erge il profilo straniante del Carapace, la scultura-cantina di Arnaldo Pomodoro inaugurata nel giugno del 2012.
È una testuggine di rame affiorata sulla terra da qualche mostruoso ipogeo. Un enorme acino d’uva precipitato dalle ebbre mani di un Bacco gigante e dimenticato per millenni tra i filari.

Al suo fianco, il “dardo”, una rossa e stretta piramide rovesciata, alta diciotto metri, è conficcata come un pugnale nel cuore della terra.

È uno spettacolo che accende la fantasia di chi arriva nei pressi di questa tenuta vitivinicola di 30 ettari. E anche di chi entra nella scultura.

Sotto l’imponente guscio di rame alto dieci metri, all’interno del quale si può godere della vista completa del paesaggio circostante, c’è il banco per l’accoglienza di fornitori e clienti, la cucina circolare per la degustazione, la bottaia e una scala elicoidale che conduce nel luogo deputato ad affinare i vini.

Lo scultore romagnolo ha creato quest’opera per simboleggiare l’unione fra cielo e terra, e il legame dell’uomo con quest’ultima.

E l’immaginazione di chi vi si avvicina prende il volo, come liberata da un vino inebriante.

Photos via:
www.tenutacastelbuono.it

December 10, 2013

La Tenuta Castelbuono e il Carapace

Bevagna (Pg)
Vocabolo Castellaccio, 9
+39 0742 361670