La meravigliosa Milano di Bonvesin de la Riva a Casa Testori

Casa Testori, mostra La meravigliosa Milano di Bonvesin de la Riva

Davide Mottes

di Giuseppe Frangi

Milano, anno 1288. La città, una delle più ricche e importanti d’Europa, è in preda a lotte senza quartiere, che insanguinano i palazzi. Siamo alla vigilia di un trapasso storico, dal sogno del governo comunale al nuovo che avanza, cioè la nascita delle signorie, il potere concentrato nelle mani di una sola famiglia, i Visconti.

In questa città sotto choc si muove un uomo, un intellettuale, che gode di grande autorevolezza e che ha un’idea ben precisa di quale sia il bene per la sua amata città: difendere il patrimonio di libertà e democrazia che la civiltà comunale aveva garantito. È con questo preciso proposito che Bonvesin de la Riva – così si chiamava quell’intellettuale – si mette al tavolo e scrive uno dei più bei libri che mai una città si sia visto dedicare. “De Magnalibus Mediolani”, cioè le “Meraviglie di Milano” è una straordinaria apologia che facendo leva su centinaia di indizi concreti e su numeri da invidiare, traccia il profilo di una città che non si può non amare: una città attiva, positiva, perfettamente organizzata, solidale, integrata con il suo contado. Addirittura prima capitale a chilometro zero, data la ricchezza e la fertilità della pianura che la circondava.

Alla vigilia del fatidico Expo, l’appuntamento con il libro di Bonvesin era perciò un appuntamento d’obbligo. Da qui è nata l’idea di riproporlo in una chiave inedita e straordinariamente coinvolgente.

A Casa Testori, a Novate Milanese, comune contiguo all’area dell’Expo, in queste settimane (sino al 19 aprile) è allestita una mostra in cui un gruppo di nuovi e lanciatissimi illustratori milanesi si sono cimentati in una sorta di rappresentazione del libro. Dunque non solo una mostra storica, ma una mostra che propone una vera immedesimazione con lo sguardo entusiasta di Bonvesin.

Il quale ad esempio inizia a decantare la città sin dalla bellezza e perfezione del suo nome: Mediolanum; l’unico nome di città che contiene tutte le vocali, che inizia e finisce per M, che «essendo la lettera più ampia significa l’ampiezza della gloria di Milano». A Casa Testori i visitatori si trovano davanti la stupenda installazione di Marco Goran che su cubi dorati che calano dal grande vano delle scale, ha scritto le dieci lettere preziose che compongono il nome della città.

Quella di Bonvesin è stata definita da Maria Corti una «contabilità encomiastica». E se il nostro autore ci dice che a Milano c’erano 120 campanili e 200 campane, Francesco Muzzi, altro giovanissimo illustratore, ha costruito un’installazione in cui i numeri di Bonvesin sono rispettati alla lettera per lo stupore dei visitatori di oggi.

Milano è perfetta anche nella sua forma rotonda: la grande mappa della città di quel 1288, realizzata da Davide Mottes e stesa sul pavimento, permette di orientarsi tra chiese, palazzi, corsi d’acqua che segnavano la topografia della città. E in questo modo familiarizzare. C’è poi la città che produce e che consuma. Se Milano era leader in Europa nella fabbricazione di elmi, corazze, scudi, la stanza che racconta questo primato è fasciata da una carta da parati che Giacomo Bagnara ha stipato di armi splendenti come gioielli. Affascinante la stanza dedicata ai 60 carri di ciliegie che, secondo Bonvesin, nella giusta stagione entravano ogni giorno in città, e che Francesco Poroli ha rappresentato uno ad uno, in un festoso corteo che fascia i muri di una stanza per la gioia degli occhi dei visitatori di oggi.

Insomma una mostra che cerca di restituire quello sguardo intelligente ma pieno di meraviglia con cui Bonvesin aveva cercato di accendere l’orgoglio dei milanesi, nel momento in cui rischiavano di essere usurpati della loro città. Bonvesin allora perse. Ma la storia dice che la Milano da lui raccontata è la Milano vera.

La mostra “Tutti i colori tranne il grigio. La meravigliosa Milano di Bonvesin de la Riva” è visitabile, fino al 19 aprile, tutti i giorni dalle 10 alle 18, sabato e domenica dalle 14 alle 20. Lunedì chiuso.

April 13, 2015

La meravigliosa Milano di Bonvesin de la Riva a Casa Testori

Casa Testori, Novate Milanese, Milano
Largo Angelo Testori, 13
+39 02 36589697
+39 02 36595981