La fotografia di Luigi Veronesi

Il milanese Luigi Veronesi (1908-1998) – scenografo, pittore e regista – scopre la fotografia poco più che adolescente, e predilige da subito il fotogramma, cioè un’immagine ottenuta per contatto, in camera oscura, con la carta sensibile o con un negativo, senza l’uso della macchina fotografica.

Il suo lavoro di sperimentazione non si ferma qui. Il desiderio di «registrare trasparenze, spessori, ombre, luci e riflessi in una gamma ricchissima di affascinanti variazioni, e possibilità espressive» lo conduce verso un tipo di fotografia inteso non solo a riprodurre l’apparenza degli oggetti, ma a manifestare un’idea, a elaborare visivamente un concetto astratto.

Le sue fotografie riescono a cogliere la poesia delle cose.

December 13, 2013