La Cappella Colleoni, fra Medio Evo e Rinascimento

La Cappella Colleoni, eretta tra il 1472 e il 1477 accanto alla chiesa di Santa Maria Maggiore, a Bergamo, è un meraviglioso mausoleo fatto costruire da un grande condottiero, Bartolomeo Colleoni (1395-1475), le cui gesta sono mirabilmente sintetizzate dallo storico Ignazio Cantù in un libro del 1860 dal titolo “Bergamo e il suo territorio”:

A Bartolomeo attribuiscono d’aver per primo usato i cannoni in campagna; servì i Veneziani contro i Visconti, poi i Visconti contro i Veneziani; aiutò Francesco Sforza a usurpare il dominio di Milano; vendutosi di nuovo ai Veneziani per centomila zecchini d’oro, molte giurisdizioni e illimitate facoltà, li condusse di vittoria in vittoria, finché sul punto di guidarli contro i Turchi, morì il 3 novembre 1475.

Naturalmente poi lo scrittore indugia sulle grandi opere urbanistiche e sulle iniziative caritatevoli cui il nobiluomo diede vita in favore della sua città (il vulgo bergamasco ne fece una specie di santo perché a pro della patria adoperò le ricchezze acquistate con la spada), prima di morire e di farsi tumulare in questa stupenda cappella, un monumento dedicato a sé stesso e, in qualche misura, al mito delle grandi ed eroiche compagnie di ventura medievali, le cui “gloriose imprese” andavano perdendo l’aura di “romanticismo” presso le nuove generazioni di condottieri, che preferivano acquistare fama e potere non più con il coinvolgimento personale nel combattimento, ma con la gestione dall’esterno dell’attività bellica, attraverso operazioni di delega e arruolamento delle truppe.

La Cappella di Bergamo, capolavoro dell’architetto Giovanni Antonio Amadeo, è un simbolo di questo tramonto, ponendosi stilisticamente al limite fra Medio Evo e Rinascimento.

Cappella Colleoni
Bergamo
Piazza Duomo, 5

Per informazioni:

tel. +39 035 210 061
orario d’apertura:
marzo-ottobre: tutti i giorni, ore 9.00 -12.30 e 14.00-18.30;
novembre-febbraio: ore 9.00 – 12.30 e 14.00 – 16.30
chiuso il lunedì

January 21, 2019