Il Museo civico di Belluno a Palazzo Fulcis

Museo civico di Belluno, Palazzo Fulcis De Bertoldi

Da qualche giorno il Museo civico di Belluno si è trasferito nella splendida sede settecentesca di Palazzo Fulcis De Bertoldi.

L’edificio – frutto del lavoro di Valentino Alpago-Novello, architetto bellunese che nel 1776 fuse e omogeneizzò tre fabbricati prospicienti piazza Vittorio Emanuele – ospita dallo scorso 27 gennaio le bellissime collezioni di archeologia, pittura e scultura che per centoquarant’anni, dal 1876 al 2016, hanno trovato posto nel Palazzo dei Giuristi.

Tintoretto, Jacopo Palma il Giovane, Matteo Cesa, Bartolomeo Montagna, Ippolito Caffi, Sebastiano Ricci… Questi sono solo alcuni degli artisti le cui opere compongono la magnifica pinacoteca dedicata all’arte pittorica bellunese fra il XV e il XIX secolo.

Nelle ventiquattro sale accuratamente restaurate di Palazzo Fulcis De Bertoldi (distribuite su cinque piani per un totale di tremila metri quadrati di spazio espositivo) sono in mostra permanente anche disegni e stampe, oggetti d’arte e gioielli, oltre a interessantissimi reperti archeologici che testimoniano la storia delle zone dell’attuale provincia bellunese dal Paleolitico Medio all’Alto Medioevo.

Fino al prossimo primo maggio sarà anche esposto uno dei capolavori di Tiziano Vecellio recentemente restaurato: la “Madonna Barbarigo”, dipinto della metà del XVI secolo appartenente alle collezioni dell’Ermitage di San Pietroburgo.

February 1, 2017

Il Museo civico di Belluno a Palazzo Fulcis

Belluno
Palazzo Fulcis, via Roma, 28