Il giardino pensile del Palazzo Reale di Palermo: la bellezza del potere

giardino pensile di Palazzo dei Normanni – o Palazzo Reale – di Palermo – Hanging gardens of the Palace of the Nromans in Palermo

Del giardino pensile di Palazzo dei Normanni – o Palazzo Reale – di Palermo si ha notizia a partire dal XII secolo, quando la città colpisce l’immaginazione dei forestieri per la ricchezza di frutteti e parchi.

Agli occhi del geografo arabo Muhammad al-Idrisi (1099-1165) si presenta uno spettacolo di acque che attraversano da tutte le parti la capitale della Sicilia, dove scaturiscono anche fonti perenni. Palermo abbonda di alberi da frutta […] e dentro la cerchia delle mura, che tripudio di frutteti, quale magnificenza di ville e quante acque dolci correnti, condotte in canali dai monti….

Tra queste meraviglie spicca il giardino pensile di Palazzo dei Normanni – rigoglioso scrigno di cactus, ninfee, aranci amari e plumelie –, una perla preziosa ospitata da una città che insuperbisce tra piazze e pianure… I palazzi dei re ne circondano il collo come i monili cingono i colli delle ragazze dal seno ricolmo: così il poeta arabo-andaluso Ibn Jubayr in visita a Palermo intorno al 1185.

Nella città arabo-normanna fioriscono i grandi parchi, e al loro interno i giardini aristocratici in cui il potere manifesta la propria opulenza con padiglioni di piacere, canali, laghi e frutteti.

Le ragioni che spingono i monarchi normanni a circondare Palermo di parchi e giardini sono le stesse che hanno portato al loro sorgere in tutte le capitali islamiche medievali: la consapevolezza dell’immagine di forza e di dominio che deriva dalla natura quando è piegata al soddisfacimento del piacere e del lusso (in M. Leone, F. Lo Piccolo, F. Schilleci, “Il paesaggio agricolo nella Conca d’Oro di Palermo”, Alinea, Firenze 2009).

Photos via:
www.leviedeitesori.com/

October 27, 2017

Il giardino pensile del Palazzo Reale di Palermo: la bellezza del potere

Palermo, Palazzo dei Normanni
Piazza Indipendenza, 1
+39 091 6262833