I record del Guzzino

La Motoleggera 65 della Moto Guzzi (o “Guzzino”) fu prodotta dalla celebre azienda lombarda fra il 1946 e il 1954. L’esigenza era quella, impellente negli anni del secondo dopoguerra, di fornire un mezzo di trasporto agile e poco costoso alla popolazione bisognosa di muoversi per esigenze di lavoro.

Semplice da condurre, e piuttosto leggero (45 chilogrammi), il Guzzino, ideato da Antonio Micucci, fu impiegato – in una versione carenata, per ridurre la resistenza aerodinamica – in varie competizioni e tentativi di record. Nel 1948, in Svizzera, sulla strada Charrat – Saxon, il motoveicolo conseguì primati importanti sul chilometro e sul miglio; e nello stesso anno, altri 19 record furono segnati a Monza, nell’autodromo della città lombarda.

Il palmares andò arricchendosi anche negli anni successivi. La moto subì vari restyling, assumendo a un certo punto il profilo di un siluro: i piloti cavalcavano il mezzo nella posizione detta “del ranocchio”, con le ginocchia appoggiate all’altezza del carter che copriva la catena di trasmissione e con i piedi posizionati sui predellini collocati sulla parte posteriore del telaio.

Nel 1954, ultimo anno di produzione, correvano sulle strade d’Italia e del mondo quasi 72.000 Guzzini: per dieci anni era stata la “motoleggera” (termine con cui in Italia si indicavano i motocicli con cilindrata inferiore ai 100 centimetri cubi) più venduta in Europa.

Anche questo un record, senza dubbio.

Photos via:
www.museoscienza.org www.motoclub-tingavert.it

December 16, 2013