I Giardini di Castel Trauttmansdorff, dove parlano i fiori

C’è una bellissima poesia di Goethe con la quale si potrebbero descrivere alcune delle sensazioni che si provano passeggiando per i giardini di Castel Trauttmansdorff, a Merano. Sono i versi di “Mentre andavo”: «Andavo per i campi / così, per conto mio,
/ e non cercare niente
/ era quello che volevo. // E lì c’era un fiorellino,
/ subito lì, vicino,
/ che nella vita mai
/ ne vidi uno più bello. // Volevo coglierlo,
/ ma il fiore mi disse:
/ possiedo radici,
/ e sono ben nascoste. // Giù nel profondo
/ sono interrato;
/ per questo i miei fiori
/ son belli tondi. // Non so amoreggiare, /
non so adulare;
/ non cogliermi devi,
/ ma trapiantare».

Nei dodici ettari di orto botanico che circondano il castello vivono piante e fiori di tutto il mondo. E dal primo aprile al 15 novembre di ogni anno, l’Eden altoatesino è aperto a chi vuole confondersi fra migliaia di aromi e colori, provenienti dal lontano Oriente oppure da ambienti familiari, in una vertiginosa mescolanza fra esotismo e consuetudine in grado di provocare un piacevole disorientamento.

Qui ci si può identificare con il personaggio della lirica di Goethe. E non c’è da preoccuparsi se per un istante ci sembrerà che un fiore ci stia sussurrando qualcosa.

Photos via:
www.trauttmansdorff.it/it/i-giardini-di-castel-trauttmansdorff.html

April 21, 2014

I Giardini di Castel Trauttmansdorff, dove parlano i fiori

Merano (Bz)
+39 0473 235730
+39 0473 235731