I cavallini bradi della Giara di Gesturi

I cavallini bradi della Giara di Gesturi - wild horses in Giara di Gesturi

I cavallini bradi della Giara di Gesturi – un tavoliere basaltico sopraelevato di circa 45 chilometri quadrati nella zona centro-sud della Sardegna – corrono liberi tra le sugherete e i resti dei ventiquattro antichissimi nuraghi dislocati sui bordi pietrosi dell’altopiano.

Per avvicinarli occorre essere silenziosissimi. E attendere che si fermino ad abbeverarsi presso i “paulis”, i rari stagni di acqua piovana presenti in questo territorio. Aristotele notava che ai cavalli piacciono i prati e le paludi: E infatti, in generale, questo animale è amico dell’uomo così come lo è dell’acqua. I cavallini bradi sono senz’altro amici dell’acqua. Ma dall’uomo pare si vogliano tenere alla larga (e non li si può biasimare, visto che spesso sono stati purtroppo oggetto delle attenzioni non benevole di predatori umani).

“Is cuaddeddus”, come li chiamano da queste parti, sono piccoli, ma non sono pony. Al garrese misurano circa 125 centimetri. Alcuni hanno il manto morello, altri baio. Non si sa con certezza da quanto tempo vivano in questa parte dell’isola. C’è li considera gli animali archeologici della Sardegna, ipotizzando la loro presenza qui fin dal Neolitico. E c’è chi invece crede che siano stati i Fenici a importarli (tra il IX e il III secolo a.C.).

Sono gli ultimi cavalli selvaggi d’Europa. Ed è bellissimo riuscire a vederli. Ci vuole rispetto, pazienza e grande discrezione.

Photos via: ©www.giarasardegna.it, ©www.italianbotanicalheritage.com, ©www.criteria.eu

November 8, 2016

I cavallini bradi della Giara di Gesturi