Gobino. Il sapore esotico del cioccolato perfetto.

“L’uma sempre fait parej”  che in piemontese significa ”L’abbiamo sempre fatto così”.

Sì, è vero, nel cioccolato di Guido Gobino c’è tutta la tradizione, c’è la continua ricerca di renderla autentica e contemporanea al tempo stesso.

Il progetto del Laboratorio artigianale del Gianduiotto ruota attorno alla tecnica dell’estrusione che permette la creazione di un cioccolatino senza far uso di stampi, rendendolo per questo “unico e irripetibile”, che sia il Giandujotto classico, il Giandujottino Tourinot o il Tourinot Maximo.
Poi ci sono la “Miglior pralina al mondo”, e la “Tavoletta d’Oro”, in un continuo viaggio verso l’eccellenza che con il progetto “Chocolate 5.5” manda il cioccolato nello spazio, per ricordare agli astronauti il sapore autentico della terra e testare la percezione sensoriale nel gusto in microgravità.

Un’azienda appassionata, creativa, aperta alla sperimentazione e visionaria che, per mantenere alta l’asticella della qualità, gira il mondo alla ricerca dell’ingrediente perfetto: la nocciola Piemonte IGP nelle Langhe, il migliore cacao del mondo in Venezuela, Colombia, Messico ed Ecuador, lo zenzero più aromatico in Thailandia o le scorze d’arancia in Sicilia.

Un’azienda che racconta una storia di sapori, di piacere, di golosità tutta italiana, che guarda al mondo con curiosità in un continuo dialogo tra il passato e il futuro, tra i sapori antichi e l’accostamento di gusti insoliti e contemporanei, tra la sapienza artigianale e il nuovo sapere sperimentale.

Il percorso di degustazione del cioccolato di Guido Gobino è parte dell’itinerario Taste Academy di Italian Ways.

Photos via:
www.guidogobino.it

March 6, 2018