Castel Toblino, leggende senza fantasmi

castel-toblino-01

Castel Toblino si trova su una romantica e pittoresca penisoletta dell’omonimo lago in provincia di Trento. Le mura merlate e le torri ne fanno un monumento unico, tra i più conosciuti e amati di tutta la regione alpina.

L’edificio risale molto probabilmente all’XI secolo, e fu proprietà dei signori di Toblino, dei da Campo e dei Madruzzo, per poi essere inserito, nel Seicento, tra i possedimenti della famiglia Wolkenstein.

Fu la location scelta da Benito Mussolini per ambientare il romanzo storico “L’amante del Cardinale. Claudia Particella”, che il futuro dittatore scrisse quando era segretario della Federazione socialista di Forlì, facendolo pubblicare a puntate sul quotidiano “Il Popolo” di Trento, diretto da Cesare Battisti.

Per costruire la vicenda, Mussolini utilizzò il materiale offertogli da una leggenda di origine letteraria, i cui personaggi centrali, la cortigiana Claudia Particella e Carlo Emanuele Madruzzo, vescovo di Trento tra il 1629 e il 1658, furono protagonisti di una torbida e peccaminosa relazione.

Ma non pare che i loro fantasmi si aggirino da queste parti.

February 7, 2019