Casa Fenoglio-Lafleur, fiore del Liberty torinese

Torino, Casa Fenoglio Lafleur

È curioso il fatto che la Casa Fenoglio-Lafleur, a Torino, porti nel proprio nome “il fiore” (Lafleur, appunto, dal cognome dell’imprenditore francese che la acquistò): non è forse un suggestivo richiamo a quello “stile floreale” che ebbe diffusione in Europa tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo?

E dello stile floreale – o Liberty, come successivamente fu definito –, di cui Torino era considerata la capitale italiana in seguito alla prima Esposizione internazionale d’Arte decorativa moderna che là si tenne nel 1902, la Casa Fenoglio-Lafleur è il simbolo, con le decorazioni fitomorfe presenti in tutto l’edificio, specialmente nel rosone superiore e nel caratteristico modulo angolare.

Progettata proprio nel 1902 dall’ingegner Pietro Fenoglio, la Casa, che sorge ai confini del centro storico, fu pensata dall’autore come un vero modello estetico di quella stagione artistica: le vetrature policrome e l’intreccio in ferro battuto del bow-window, la linea sinuosa dell’edicola che domina il terrazzino ne sono i segni più evidenti.

Uno stupendo fiore a quattro piani, insomma, spuntato all’incrocio di due grandi vie della Torino altoborghese, che ebbe anche il tempo di regalare caritatevole ricovero ad alcuni giovani poverissimi, la cui presenza fra quelle mura è ricordata da una piccola lapide.

Photos via: ©dede leoncedis, ©Michelangelo Delu’, ©Pietro Izzo

September 1, 2015

Casa Fenoglio-Lafleur, fiore del Liberty torinese

Torino
Via Principi d'Acaja, 11
+39 011 01134494